Archivio mensile:Maggio 2015

ME AYISYEN

Me ayisyen
Mese di maggio haitiano

IMG_9135Carissimi amici e amiche, è già passato quasi un mese e non ho trovato il tempo e l’ispirazione per aggiornare le notizie sulla “nostra” missione ad Haiti, dico “nostra” non a caso, perché davvero sento di vivere questa avventura insieme a tutti voi e grazie a tutti voi.
In questo tempo pasquale, nella liturgia di ogni giorno, abbiamo letto il libro degli Atti degli Apostoli. Ho potuto riconfrontarmi con lo stile missionario di San Paolo e ho rilevato come lo stesso grande apostolo ha imparato strada facendo, ha imparato dai suoi stessi errori, ha imparato a dare sempre più ascolto alle persone e alle situazioni. Ha mostrato una grande docilità allo Spirito Santo e ha sempre sentito Gesù vicino a lui come in quella notte a Gerusalemme, quando il Signore gli parlò: “Coraggio, come hai testimoniato a Gerusalemme …così è necessario che tua dia testimonianza anche a Roma” (At 23, 11). Alla fine troviamo Paolo agli arresti domiciliari a RIMG_8824oma, sorvegliato da un soldato, ma lasciato libero di ricevere la visita di tutti coloro che lo desideravano e di poter parlare loro di Gesù (At 28, 30-31). Dopo tanto viaggiare, fare e strafare per la missione, eccolo costretto a stare fermo; lui in arresto, ma non il IMG_9476Vangelo, perché l’annuncio della Buona Notizia non si ferma e nessuno potrà mai fermarlo.
Detto questo, eccoci qui, noi missionari dilettanti, ad imparare ogni giorno cosa vuol dire vivere ed annunciare il vangelo con il popolo del nord ovest di Haiti, vivere il confronto con una povertà che ti provoca ogni giorno, che ti strugge il cuore e che ti fa anche arrabbiare per tanta ingiustizia.
Il 18 MaggIMG_9396io abbiamo festeggiato il giorno del DRAPO, cioè della bandiera, festa nazionale sottotono dal punto di vista del coinvolgimento delle autorità civili, mentre più sentita dai nostri giovani del gruppo Kirò. Nell’IMG_9399omelia della Messa a Kot de Fè mi sono trovato a dire che dopo tanti nemici avuti in passato, dagli spagnoli, ai francesi e ad altri che hanno schiavizzato, sfruttato e colonizzato, il vero nemico per il popolo haitiano è nel cuore stesso di certi haitiani. I IMG_9462governi haitiani spesso hanno fatto peggio dei colonizzatori del passato e anche ora fanno molto poco, troppo poco per il bene della gente. Domenica 9 agosto 2015 ci saranno le elezioni politiche per eleggere il nuovo governo, speriamo davvero che sia una buona chance per un cambiamento decisivo e incisivo. I giovani che cantano e danzano in questo video per onorare la bandiera del proprio paese meritano tutta la speranza di un futuro migliore.

Continua a leggere